Italy White Crane Seminar with Sensei Sydney


By: Maura Garau – IOGKF Italy

Sensei Sydney Leijenhorst recently travel to Rome where he ran a Qi Gong and White Crane seminar for members of IOGKFItaly. The below report not only details the happenings of the day but also explains the physiology of producing energy in the body for Qi Gong and ultimately Goju-ryu Karate-do...

On Sunday, February 27, here in Rome, Sensei Leijenhorst conducted a White Crane Qi Gong seminar.

Qi Gong, or Qigong, or Chi Kung, can be narrowly defined as “the study of the Qi [inner energy or bioelectricity] circulating in the human body... We can also classify Qigong into four major categories according to the purpose or final goal of the training: A. maintaining health B. curing sickness C. martial arts D. enlightenment or Buddhahood.”*

White Crane is both a soft and hard, internal and external style. “The exact date when the White Crane style was created is not clear. One legend is that there were Five Shape Fists already practiced when Da Mo retired in the Shaolin Temple (527-536 A.D.). The five shapes include Dragon, Tiger, Panther, Snake and Crane. If this legend is accurate, then the earliest history of White Crane style should begin during this period.”*

During the seminar, Sensei Leijenhorst did not talk about the history of Qi Gong and White Crane but he offered a multi-level perspective of what Qi Gong is and, most important, how to experience it. This multi-level approach allowed each participant - from beginner to advanced - to find an appropriate level of training, within the different levels of experimentation.

One level of experimentation was playfulness. As a first exercise Sensei asked participants to find the center of their body and then pretend they were falling backward, and observe the reactions of their body in this getting out of balance and, at the very last moment, regrouping and avoiding to fall. How many preconceptions do you have to let go in order to 'play falling backward'?

Sensei reminded participants not to be stuck in a 'karateka role' (like: 'I'm invincible') but to let go and allow things to happen. Don't resist. Let things flow.

In a soft and smooth way we switched to other exercises, where the body created a 'wave' in the spine and - with a vertical circular motion, from back to front, together with the breathing - completed the so called 'small circulation' (from the Huiyin point, between the genital area and anus, the energy moves up along the spine, around the head, down to the front, chest and Hara, to go back to the Huiyin point and start the small circulation again).

Small circulation - fire path. Picture from “The root of Chinese Qigong” by  Dr. Yang Jwing-Ming, YMAA Publisher

Indeed, the second level of the seminar touched a few and very important 'technical' details, such as the Huiyin point and the energy meridians. According to Chinese medicine, the human body has twelve major energy channels and eight vessels through which Qi circulates. Some of the exercises performed during the seminar opened the front and back (conception and governing vessels), the bladder meridian along the spine, and the gall bladder meridian on the sides. Along the meridians we have specific pressure points. Huiyin is considered a very important point in Chinese medicine, as it is the meeting point for the Conception, Thrusting and Governing vessels.

The third level of experimentation was the use of imagination. Ancient Chinese says “Qi goes where the mind leads it”. Images are a great way to 'lead' Qi. Through some exercises and use of images Sensei Leijenhorst brought participants in touch with their sense of freedom, power and courage: 'wu ji' = to empty oneself and having no boundaries (this is how you want to start each Qi Gong exercise). 'The eagle catching its prey', 'the bear swimming in the lake'...

You complete each exercise bringing back your hands (and your energy) in the Dan Tien, the Hara. Storing energy in the Dan Tien (as in Sanchin kata). Grounding.

Ultimately, Qi Gong is 50% natural, already inside of us. Through Qi Gong practice, we are reminding ourselves of our natural condition. We learn how to regulate our levels of energy, where the ultimate level of regulation is 'not regulating anymore'.

Sensei ended the seminar allowing time for questions, and finally giving a special demonstration of spontaneous Qi Gong movement: the expression and transformation of internal energy from Crane to Dragon. We go back to the ancient Fists of the White Crane system. If someone in the seminar had been baffled and confused by the soft, dancing-like movements of Qi Gong, I believe he did not have any doubt when he saw that the energy expressed during the demonstration - through Crane and  Dragon - was indeed a martial energy (and it was better to treat Sensei Leijenhorst with the 'necessary caution'!)

Finally, upon request of a student, for those participants who remained after hour, Sensei Leijenhorst sang an ancient mantra. Still Qi Gong: the energy of the voice filling the air and the bodies. Still playfulness and lots of generosity from a teacher who had to end the seminar at 5:30 pm but actually shared his time with participants far beyond that time. As he puts it: Qi Gong is about expressing the best in you.

I strongly advise that you participate in one of Sensei Leijenhorst Qi Gong seminars. However, do it only if you are ready to let it happen and play!

*Excerpt from “The Essence of Shaolin White Crane” by Dr. Yang Jwing-Ming, YMAA Publisher


Seminario di Qi Gong della Gru Bianca

di Maura Garau

Domenica 27 febbraio, qui a Roma, Sensei Leijenhorst ha condotto un seminario di Qi Gong della Gru Bianca.

Il Qi Gong, o Qigong, o Chi Kung, può essere strettamente definito come "lo studio del Qi [energia interna o bioelettricità] che circola nel corpo umano ... Possiamo anche classificare il Qigong in quattro categorie principali a seconda dello scopo o obiettivo finale della pratica: A. mantenimento della salute B. cura delle malattie C. arti marziali D. illuminazione o Buddità"*

La Gru Bianca è uno stile morbido e duro, interno ed esterno. "La data esatta in cui lo stile della Gru Bianca fu creato non è chiara. Una leggenda racconta che esistevano cinque Forme di combattimento già impiegate al momento in cui Da Mo si ritirò nel monastero Shaolin (527-536 dC). Le cinque forme includono il Drago, la Tigre, la Pantera, il Serpente e la Gru. Se questa leggenda è corretta, allora il primo accenno di storia dello stile della Gru Bianca dovrebbe iniziare in questo periodo."*

Durante il seminario, Sensei Leijenhorst non ci ha parlato della storia del Qi Gong e della Gru Bianca, ma ci ha offerto una prospettiva multi-livello su ciò che è il Qi Gong e, più importante, sul modo in cui sperimentarlo. Questo approccio multi-livello ha consentito a ciascun partecipante - dal principiante all'avanzato - di trovare un adeguato livello di pratica all'interno dei diversi livelli di sperimentazione.

Un primo livello di sperimentazione è stato la giocosità. Come esercizio Sensei ha chiesto ai partecipanti di trovare il centro del proprio corpo e quindi, pretendendo di cadere all'indietro, osservare le reazioni del proprio corpo nello sbilanciamento e, all'ultimo momento, nel riprendersi ed evitare la caduta. Quanti preconcetti bisogna lasciare andare per “fare il gioco del cadere all'indietro”?

Sensei ha ricordato ai partecipanti di non bloccarsi in un “ruolo di karateka” (tipo: “sono invincibile”), ma di lasciarsi andare e lasciare che le cose accadano. Non resistere. Consentire il flusso.

In modo morbido e tranquillo ci siamo spostati su altri esercizi, in cui il corpo crea un 'onda' nella colonna vertebrale e - con un movimento circolare verticale, dalla parte posteriore a quella anteriore del corpo, insieme alla respirazione - completa la cosidetta 'piccola circolazione' (dal punto Huiyin, tra gli organi genitali e l'ano, l'energia si muove lungo la spina dorsale, intorno alla testa, fino alla fronte, al torace e all'Hara per tornare al punto Huiyin e ricominciare nuovamente la piccola circolazione).

Piccola circolazione - percorso del fuoco. Immagine tratta da “The root of Chinese Qigong” del Dr. Yang Jwing-Ming, YMAA Editore

In effetti, il secondo livello del seminario ha toccato alcuni dettagli “tecnici” molto importanti, come il punto Huiyin ed i meridiani energetici. Secondo la medicina cinese, il corpo umano è attraversato da dodici canali energetici principali e otto vasi attraverso i quali circola il Qi. Alcuni degli esercizi eseguiti durante il seminario hanno aperto la parte anteriore e posteriore del corpo (vaso concezione e governatore), il meridiano della vescica urinaria lungo la spina dorsale, e il meridiano della vescicola biliare sui fianchi. Lungo i meridiani si trovano punti di digitopressione specifici. Huiyin è considerato molto importante nella medicina cinese, in quanto è il punto d'incontro fra il vaso concezione, il vaso governatore e il vaso strategico.

Il terzo livello di sperimentazione riguarda l'uso delle immagini. L'antico cinese dice: "Il Qi va dove lo guida la mente". Le immagini sono un ottimo modo per 'guidare' il Qi. Attraverso alcuni esercizi e l'uso delle immagini Sensei Leijenhorst ha portato i partecipanti in contatto con il proprio senso di libertà, potenza e coraggio: “wu ji” = svuotare se stessi e non avere confini (in questo modo si deve iniziare ogni esercizio di Qi Gong). “L'aquila cattura la sua preda”, “l'orso nuota nel lago”...

A completamento di ciascun esercizio si riportano le mani (e l'energia) nel Dan Tien, l'Hara. Si accumula energia nel Dan Tien (come nel kata Sanchin). Ci si radica.

In definitiva, il Qi Gong è al 50% naturale, già dentro di noi. Attraverso la pratica del Qi Gong, noi ci ricordiamo della nostra condizione naturale. Impariamo a regolare i nostri livelli di energia, in cui l'ultimo livello di regolazione è “ il non regolare più”.

Sensei ha chiuso il seminario lasciando tempo per domande, ed infine dando una dimostrazione speciale di movimento spontaneo nel Qi Gong: l'espressione e la trasformazione dell'energia interna dalla Gru al Drago. Torniamo alle antiche Forme di combattimento della Gru Bianca. Se qualcuno durante il seminario era rimasto perplesso e confuso dai movimenti morbidi e “danzanti” del Qi Gong, credo che non abbia più avuto dubbi quando ha visto che l'energia espressa nel corso della dimostrazione, attraverso la Gru e il Drago, era effettivamente un'energia marziale (ed era meglio trattare Sensei Leijenhorst con la “necessaria attenzione”!)

Infine, su richiesta di uno studente, per i partecipanti che sono rimasti oltre il termine, Sensei Leijenhorst ha cantato un antico mantra. Ancora Qi Gong: l'energia della voce ha riempito l'aria e i corpi. Ancora voglia di giocare e tanta generosità da parte di un insegnante che doveva finire il seminario alle 17,30, ma che ha condiviso il suo tempo con i partecipanti ben oltre l'orario stabilito. Come afferma lui stesso: Qi Gong vuol dire esprimere il meglio di sè.

Raccomando caldamente di partecipare a qualche seminario di Qi Gong di Sensei Leijenhorst. Tuttavia, se lo si fa, bisogna essere pronti a lasciare che le cose accadano e a giocare!

*Estratti da “The Essence of Shaolin White Crane” del Dr. Yang Jwing-Ming, YMAA Editore